lunedì 12 agosto 2013

Un po' di notizie dalla Tedeschia

Bella gente,
ormai è passata più di una settimana dal mio arrivo ed è giusto che vi aggiorni sulla situazione. Qui va una meraviglia! Sono partita il famoso 2 Agosto e i saluti sono stati meno tristi di quanto mi aspettassi. Avevo paura di dover pagare per il peso eccedente della valigia da imbarcare ma *signori e signore*, con più di 6kg in più, non ho pagato niente! Mi è stato detto solo "l'esperienza che stai per fare è meravigliosa!".
Il volo da Bari a Stoccarda è stato fighissimo perché c'erano dei ragazzi italiani che andavano a Berlino e con cui sono stata in aereo. Mi hanno aiutata con il bagaglio a mano (che pesava più di me) e quando siamo arrivati a Stoccarda, mi hanno aiutata a cercare i banconi per rifare il check-in. Dopo averli salutati e ringraziati, mi sono avventurata alla ricerca del Gate. Avevo solo mezz'ora e ho chiesto informazioni qua e là. Arrivata al Gate ho incontrato un signore tedesco molto simpatico che stava andando a Brema per lavoro e abbiamo iniziato a parlare. Indossava i classici sandali tedeschi con calzini neri (che spettacolo ahahah). Salita sull'aereo per Brema, stavo cercando di formulare una qualche frase per farmi aiutare con la valigia ma, un signore tedesco, senza che dicessi niente, mi ha aiutata. Il volo è durato pochissimo, una quarantina di minuti. Ma nonostante ciò, a differenza delle altre compagnie che non ti danno uno snack neanche a pagarlo, loro passavano con paninazzi e una bibita a scelta. Arrivata a Brema, mi sono messa a cercare il nastro con i bagagli imbarcati e per fortuna, il famoso signore con sandali e calzini neri, mi ha indicato la giusta direzione. Le valigie sono arrivate in 3 minuti (proprio come in Italia eh) e sono uscita alla ricerca della famiglia. Erano lì, la mamma, il papà e la nonna e ho sfoderato il mio mega sorriso a tutti quanti. Sono stati dolcissimi e mi hanno messa subito a mio agio. Brema è enorme e la mia casa si trova a Borgfeld, un quartiere con tante, tantissime case davvero belle. Tutti continuano a farmi complimenti per il mio tedesco e questo mi fa sentire speciale. La mia stanza è enorme e ho addirittura un divano tutto per me! La casa ha un giardino epico, piscina, trampolino, veranda, sala giochi e ben tre piani.. un castello insomma.
Ho imparato ad andare in bici (con relative cadute ahah) perché qui si gira solo con quelle. Ho conosciuto vicini di casa e amici di famiglia, uno più premuroso dell'altro! Soprattutto la figlia dei vicini, Lynn, si prende cura di me e se la sorella mi parla troppo velocemente la riprende e mi spiega lei cosa voleva dire.
La cosa che mi manca di più dell'Italia? Il bidet, giuro ahahaha.
Da giovedì ho iniziato la scuola e che dire.. è stupenda! Avete presente quelle strafighe che si vedono nei film americani? Uguale! Il primo giorno è stato molto meglio di quanto mi aspetassi. Ho conosciuto subito le prime amiche e i compagni di classe sono tutti ajqbdyendjdjd. Si cambia classe ogni ora ed è bellissimo. Quanto ai professori? Uno più dolce dell'altro. Se ne ho bisogno mi permettono di usare Google Traduttore in classe, che cuccioli. Avendo scuola fino alle 3 del pomeriggio, mangio lì e devo dire che si mangia davvero bene! Ah, entro tre volte a settimana alle 10 c:.
Nostalgia di casa? In certi momenti tantissima.. per fortuna ci sono Skype e Whatsapp che accorciano le distanze! 
Ho già fatto un pranzo all'italiana cucinando orecchiette al sugo... sono rimasti tutti soddisfatti! La famiglia mi ha fatto fare un giro della città. È bellissima, piena di negozi e con quel suo stile antico e moderno allo stesso tempo.. e poi ci sono i famosi musicanti di Brema che però sono davvero minuscoli ahahaahah.
La cosa più bella? Tavolette di Milka a 0.90€ con gusti che voi non potete neanche immaginare. Ok, forse tornerò con qualche chiletto in più.. ma per la cioccolata, questo e altro!
Ah, i ragazzi sono una favola, giuro. Avete presente lo stereotipo biondo, alto, occhi azzurri, fisico da urlo? Beh ci siamo. Ma non potrò mai competere con le belle tedesche, quindi mi limito solo ad osservare.
E poi c`è lui, Tonio. Colui che mi sopporta tutti i giorni, lui che deve subirsi i miei sfoghi e i miei "voglio tornare a casa", lui che per farmi tornare il sorriso si mette a cantare le mie canzoni preferite, lui che è disposto a tutto pur di farmi essere felice, lui che non mi abbandona mai. Che dire? Sei un grande e sai quanto ti voglio bene cucci! Ti meriti intere fabbriche di cioccolata e non solo qualche misera stecca <3.
Finalmente ho ritrovato il mio equilibrio, finalmente mi sento bene e sono felice così, nonostante problemi vari e nostalgia.. insomma, il mio Weppiniano anno in Germania, va alla grandissima.
Vi lascio con una canzone che mi ricorda tanto la mia migliore amica, la ragazza che vedete nel video del post precedente.
Ci sentiamo presto
Alessandra

PS. La Milka con gli OREO spacca ahahah

giovedì 1 agosto 2013

MA SIAMO GIA' A -24 ORE?!



Cari lettori/lettrici,
come avrete capito, manca solo un giorno alla mia partenza! Si, solo 24 ore! A quest'ora domani sarò già arrivata a Brema e sarò in macchina con la famiglia, direzione casa.
Vi starete chiedendo (o forse no) come ho passato questi ultimi giorni qui in Italia.. Beh non c'è un modo per definirli se non 'bellristi' che sarebbe un incrocio fra belli e tristi. Ho salutato tutti ormai e devo dire che i saluti non sono stati facili.. ho pianto tantissimo! Una delle persone che ho salutato più difficilmente è stata Silvia. Lei è la mia compagna di classe, la mia migliore amica, lei che la mattina alle 8 mi chiede di copiare tedesco perché non l'ha capito. Ormai siamo come 'carrot and pea' e separarci non è stato facile.. ma lei ha iniziato a fare già il conto alla rovescia per il mio ritorno e so che questo l'aiuta a rendere meno lungo tutto questo tempo in cui non saremo insieme.
Per la serie *a volte ritornano*, un altro saluto difficile è stato quello al famoso migliore amico di cui vi avevo parlato in un post precedente. Tutti hanno una persona senza la quale, nonostante litigi e addii, non si sentono completi.. ecco lui è quella persona. E' stato un saluto tipo 'Dai, l'ultimo abbraccio. No, questo è l'ultimo. Ok, l'ultimo e poi basta'. Abbiamo superato tre anni tra litigate continue e roba varia, quindi passeremo anche questa.
Andava tutto a meraviglia fino a quando, domenica mattina, la mia cagnolina mi ha morso all'occhio (che sfiga eh?). Per fortuna niente di grave, solo un graffio bello profondo. Ho dovuto portare la benda all'occhio, stile Capitan Uncino, da lunedì mattina e solo domattina potrò toglierla. Inutile dire che sono rimasta a casa come una vecchietta perché non riuscivo a vedere quasi niente ahah. Programmi annullati, ultimi saluti fatti a casa.. poteva andare meglio. Avrei voluto salutare molti più amici ma con una benda sull'occhio non ce l'ho fatta. Una delle persone che avrei voluto salutare (o meglio risalutare) è Tonio. Lui è un amico, un vero amico.. non abita nella mia stessa città, non ci vediamo spesso, ma gli voglio un gran bene. E' un ragazzo speciale e lo adoro. Ciao To <3
Veniamo a lei, la Bomber, Gaia. Se seguite il mio blog, sapete chi è. Vi mostro un video stupendo che mi ha mandato prima della mia partenza. Ho pianto come una fontana dall'inizio alla fine. Non potevo ricevere sorpresa migliore e non ho parole per ringraziarla. Guardatelo. Questa è vera amicizia. Ho la fortuna di averla trovata e posso urlare al mondo 'LEI E' LA MIA MIGLIORE AMICA'.
video

La Germania diventa sempre più reale e per fortuna ho una spalla su cui contare. E' stato il primo ragazzo che mi ha detto che sarebbe andato in Germania e da lì è nata una vera e propria amicizia. Lui sarà a Berlino e io a Brema ma alle prime vacanze ci si incontra a Berlino per fare giri in metro ahahah. Si chiama Alessandro ed è un grande.

Nonostante pianti, saluti, abbracci che vorresti non finissero mai, sta per iniziare il mio anno in Germania. Come mi sento? Pronta, carica al massimo. Il prossimo aggiornamento sarà da Brema.
A presto
Alessandra